Roma, V.le Acquedotto Alessandrino 5
info@karawanfest.it

Karawan Fest 2018 | Programma

Festa del cinema itinerante

Karawan 2018 presenta, tra gli altri, 2 film in anteprima, uno a Roma e uno in Italia: il pluripremiato Newton, candidato indiano all’Oscar per miglior film straniero, satira politica sul miraggio della libertà che con acuto sense of humour mette in scena un personaggio integerrimo e inflessibile alle prese con l’applicazione delle regole in una situazione ai limiti del paradossale; il surreale The Village of No Return, firmato dal maestro cinese della commedia Chen Yu-hsun, cela dietro le gag esilaranti da slapstick comedy e l’ambientazione quasi fiabesca, una lettura tagliente dei rapporti di forza che possono instaurarsi all’interno di una comunità e un’acuta riflessione sulla memoria.

A questi si aggiungono due titoli presentati grazie a collaborazioni prestigiose come quella con il Goethe Institut Rom e Rendezvous – Festival del Cinema Francese a Roma organizzato da Institut francais e Ambasciata di Francia. Ciascun istituto presenterà un film attinente alle tematiche trattate, a testimonianza di come due grandi paesi al cuore dell’Europa affrontano la complessa e quotidiana sfida alla costruzione di una società multiculturale. La commedia turco-tedesca Hans in salsa piccante (Einmal Hans mit scharfer Soße) della regista Buket Alakuş. tratta dall’omonimo best seller, racconta con tono divertito le dinamiche dei matrimoni misti dipingendo un affresco vivace e sfaccettato delle giovani donne di origini turche nella società tedesca di oggi. Good Luck Algeria di Farid Bentoumi è una fresca e intelligente commedia sull’integrazione, ispirata all’eroica impresa dell’ingegnere Noureddine Maurice Bentoumi (fratello del regista) che partecipò alle Olimpiadi invernali di Torino nel 2006 sotto la bandiera algerina per salvare la sua piccola impresa di sci.

A coronare una programmazione che affronta da sempre il tema della multiculturalità con ironia e leggerezza, sarà L’altro volto della speranza del maestro Aki Kaurismaki, uno dei pochi autori in grado di esprimersi su tematiche scottanti come quelle della guerra, della crisi migratoria e della convivenza tra culture senza retorica e con profondo umanesimo.


PROGRAMMA

Mercoledì 20 giugno | Evento di apertura | Cortile di Casa Scalabrini 634 (Via Casilina 634)

La 7° edizione di Karawan si apre proprio nella Giornata Mondiale del Rifugiato, in una location sicuramente non casuale ovvero Casa Scalabrini 634. Ex seminario dei padri Scalabriniani che prende il nome dal numero civico di via Casilina in cui risiede, si è trasformato dal 2015 in un centro che ospita circa 30 rifugiati, con 2 nuclei familiari, che vivono in semi-autonomia con un percorso di accompagnamento al lavoro. Un’esperienza innovativa di accoglienza che in questi anni ha accolto oltre 80 rifugiati di cui 50 hanno completato con successo il percorso verso l’autonomia, trovando una casa e un lavoro. Festeggeremo dunque insieme agli ospiti attuali della Casa in una serata di scambio e condivisione delle esperienze, di dialogo attraverso l’arte e la cultura, con parole e visioni che ci ricorderanno quanto il sorriso possa essere quel terreno naturale di incontro dove cadono tutte le differenze e ci ritroviamo semplicemente umani.

Tour di Tor Pignattara e mostra fotografica “Viaggio alla scoperta del patrimonio culturale e i luoghi dell’anima” a cura delle donne di Asinitas
Aperto a tutti/eAppuntamento alle 18.00 @Scuola Carlo Pisacane

Evento conclusivo di un laboratorio che ha coinvolto la scuola di Italiano di Asinitas in un lavoro di lettura, interpretazione del territorio ed educazione all’immagine attraverso la fotografia in collaborazione con Ecomuseo Casilino, Alessia Tagliaventi e Silvia Magna.
Un viaggio alla scoperta dei luoghi dell’anima delle comunità di origine straniera e dei possibili incroci con quelli di origine italiana.

Ore 20:30 Saluti degli organizzatori e del partner Asinitas, dello staff e degli ospiti di Casa Scalabrini 634

Ore 20:45 LABILI CONFINI poesie di migrazione viaggio ed esilio a cura di Francesca Palumbo, Stilo Edizioni.

“Ci sono molteplici modi di essere straniero, così come molteplici sono le cause che spingono gli uomini a spostarsi, a migrare. Quest’antologia raccoglie una selezione di testi poetici di autori e autrici di tutto il mondo con l’intento di far conoscere le voci di chi per necessità o scelta, costrizione o desiderio, ha lasciato la propria terra d’origine, ma anche di chi – senza mai spostarsi dal luogo natìo – ha viaggiato con la mente”. (Stilo)

Ore 21.00 L’ALTRO VOLTO DELLA SPERANZA di Aki Kaurismäki | Finlandia, 2017, 98′ (vers. It.)

Khaled è un giovane rifugiato siriano, che quasi per caso si ritrova a Helsinki come passeggero clandestino su una carboniera. Wilkström è un rappresentante di camicie, che lascia moglie e lavoro per darsi alla gestione di un insolito ristorante: La Pinta Dorata. Dopo avergli offerto un letto e un lavoro, Wikström e Khaled, insieme alla cameriera del locale, allo chef, al direttore di sala e a un cane vivranno una serena utopia e insieme, forse, riusciranno a trovare ciò che cercano. Kaurismäki impartisce grandi lezioni senza dimenticare di far sorridere, come solo i grandi maestri sanno fare. Orso d’Argento a Berlino per la migliore regia.

Giovedì 21 giugno ore 21.00 | Cortile di Piero e Bianca (Via Tor Pignattara 29)

THE VILLAGE OF NO RETURN (健忘村) di Chen Yu-hsun | anteprima italiana | Cina / Taiwan, 2017, 116′ (V.O. mandarino, sott. Ita)

Introduce Zhiyuan Liu

Nella Cina del 1914, crollata l’ultima dinastia, la Repubblica Popolare si sta affermando, ma come in ogni momento di passaggio la confusione regna sovrana. Il piccolo e isolato villaggio di Yuwang finisce nelle mire di un signorotto locale che vuole espandere il suo controllo sul territorio. Tuttavia, l’arrivo di un misterioso prete taoista con una magica attrezzatura che cancella la memoria, cambia le carte in tavola. Tutti gli abitanti si sottopongono al “trattamento elimina pensieri” e dimenticano il loro passato per vivere “felici e contenti”. È l’inizio di una serie di disavventure, inganni e gag che fanno ridere di gusto, in questo travolgente Se mi lasci ti cancello in salsa wuxia che ammicca ai vecchi film d’azione in costume.

Venerdì 22 giugno ore 21.00 | Cortile della Casa delle Arti e del Gioco (Via Policastro 34)

HANS IN SALSA PICCANTE (Einmal Hans mit scharfer Soße) di Buket Alakuş | Germania / Turchia, 2015, 96’ (V.O. turco, tedesco; sott. Ita)

In collaborazione con Goethe Institut Rom

La famiglia di Ismael, originaria dell’Anatolia e trapiantata in Germania, ha un problema: la figlia Fatma è incinta e deve sposarsi al più presto, ma, come tradizione vuole, dev’essere Hatice (Idil Üner, musa
di Fatih Akin), la sorella maggiore, a trovare prima marito. Hatice sogna di sposare un tedesco dotato della passione di un turco (l’Hans “in salsa piccante” del titolo), ma dove cercarlo? Basato sull’omonimo bestseller di Hatice Akyün, la commedia della giovane regista Buket Alakuş gioca con i cliché su peculiarità, modi di fare e usi che contraddistinguono turchi e tedeschi, ironizzando su di essi in maniera brillante e divertente.

Sabato 23 Giugno ore 21.00 | Cortile Biblioteca Goffredo Mameli al Pigneto

NEWTON di Amir V Masurkar | anteprima a Roma India, 2017, 106′ (V.O. Hindi, Gondi; sott. Ita)

Introduce Ejaz Ahmad

Newton è un giovane impiegato ministeriale nominato scrutatore per le imminenti elezioni. Strenuo sostenitore del rigoroso rispetto delle regole, finisce a raccogliere voti nel Chhattisgarh, una regione nel bel mezzo della giungla, ad alto rischio per le azioni di guerriglia dei comunisti e recentemente riportata all’ordine dai militari. Con acuto umorismo, il regista sfrutta l’ingenuità del suo tenace protagonista come espediente per raccontare le dinamiche che si celano dietro ogni elezione democratica e il “miraggio” della libertà.

Domenica 24 giugno | Evento di chiusura | Cortile della Scuola Carlo Pisacane (Via Acqua Bullicante 30)

Esposizione di una selezione di foto tratte dalla mostra Forze Nuove di Andrea Boccalini

Dalle 20.00 Dj set con Note d’Oriente: mix di musica contemporanea proveniente da Medio Oriente, Mediterraneo e Nord Africa

Ore 21.00 GOOD LUCK ALGERIA di Farid Bentoumi  | Francia, 2015, 91′ (V.O. Francese, Arabo; sott. Ita)

In collaborazione con Rendez-vous Festival del Nuovo Cinema Francese | introduce Farida Nemiri

Sam (Sami Bouajila) e Stéphane sono proprietari di una piccola impresa che produce sci artigianali e di elevata qualità. Per cercare di sopravvivere ai debiti e far conoscere i loro prodotti, i due hanno un’idea: partecipare alle Olimpiadi sotto la bandiera dell’Algeria, paese d’origine di Sam. Ispirato all’avventura straordinaria di Noureddine Maurice Bentoumi, giovane ingegnere di Grenoble che ha partecipato alle Olimpiadi Invernali di Torino nel 2006 per l’Algeria, il film diretto da suo fratello Farid è una divertente commedia sociale, che racconta la crisi e la questione della doppia nazionalità con un sincero messaggio di speranza. Nel cast, anche Chiara Mastroianni e Hélène Vincent.


Ogni sera dalle 20.00 Karawan Bistrot >> aperitivo, chiacchiere e dj set. I film iniziano alle 21.00


KARAWAN FEST 2018 | VII Edizione

KarawanFest 2018 è sostenuto da
Mibact – MigrArti Sezione Cinema III edizione

Partecipa al programma
Co.Heritage dell’Ecomuseo Casilino per l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018

Con il contributo di
Goethe Institut-Rom
Rendez-vous Festival del Nuovo Cinema Francese
SIAE

Con il patrocinio di
Comune di Roma-Biblioteche di Roma
Comune di Roma-Municipio V

Ideato e organizzato da
BIANCO E NERO associazione culturale

Partner
ASINITAS Onlus

Con la partecipazione di
Casa Scalabrini 634
Associazione Pisacane 0-11
Cemea del Mezzogiorno

Gemmellato con
Cinema di Ringhiera
Yalla Shebab Film Festival

Partner tecnico
DeSa Technologies srl

Ufficio Stampa
Carlo Dutto  348 0646089 | carlodutto@hotmail.it